“I primi dati che mi sono arrivati sono molto confortanti. Abbiamo delle crescite rispetto alla stessa settimana dell’anno scorso di qualche ordine di grandezza. Quello che ho notato è che alcuni musei, tra quelli cresciuti di più, non sono fra i più noti”. Lo ha detto il ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, a margine della presentazione delle Giornate Fai di primavera, commentando i dati sulla Settimana dei musei.

“Palazzo Venezia, per esempio, in una settimana ha avuto un aumento di circa il 300 per cento, Capodimonte circa il 200 per cento, il Marta di Taranto il 175 per cento. Parliamo di una settimana dal punto di vista turistico morta, dove non ci sono ponti, non è iniziata la stagione, e i numeri che stanno arrivando sono confortanti. L’obiettivo era proprio questo, quello di offrire ai cittadini la possibilità di andare a visitare il museo dietro casa nel modo più semplice possibile”.

“Se questo come mi aspetto avrà un riscontro positivo, lo continueremo nel futuro, e magari amplieremo questa offerta nel corso dell’anno”, ha concluso il titolare del Collegio Romano.

 

Articoli correlati