“Apprezziamo l’impegno del sottosegretario Borgonzoni per l’anniversario di Leonardo Da Vinci e per la difesa delle mostre italiane anche se siamo stati tra i primi a denunciare i prestiti prioritari al Louvre invece che all’Accademia dei Lincei”. Dichiara Federico Mollicone, deputato di Fratelli d’Italia e capogruppo in Commissione Cultura, in merito alle dichiarazione di Lucia Borgonzoni, sottosegretario ai Beni culturali, in occasione della presentazione del programma di attività per il 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci.

“Chiedo al ministro Bonisoli – prosegue Mollicone - di approvare una iniziativa normativa di controllo interno di attuazione di una preferenza nazionale nei prestiti delle opere conservate in Italia all’estero, per tutelare i nostri beni e la nostra identità, e la costituzione di una cabina di regia politica sui prestiti che valuti l'opportunità o meno di concedere un'opera in base allo stato dei rapporti che si hanno con le diverse nazioni, in nome di una diplomazia culturale che faccia rispettare l'Italia nel mondo.”

LA RISPOSTA A SALVINI

Mollicone risponde anche alla battuta del vicepremier Salvini sulla celebre rivalità tra Italia e Francia in merito alla proprità del ritratto della Monna Lisa. "Stiamo lavorando con l'ambasciatore francese per riprenderci la Gioconda" aveva detto Salvini durante la conferenza stampa di presentazione delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci.

"Per me è una questione serissima", tweetta Mollicone. "Perchè per l'anniversario non è stato concesso di averla in Italia?".

 

Articoli correlati