La storica scritta “Vota Garibaldi”, nel quartiere Garbatella di Roma, non andava cancellata e il Campidoglio non ha mai dato disposizioni in tal senso. Lo comunica il Comune di Roma in merito all’episodio della copertura della nota scritta in vernice rossa “Vota Garibaldi” di via Basilio Brollo che invitava a votare per il Fronte popolare nelle storiche elezioni che sancirono l’affermazione della Democrazia cristiana. La scritta, accompagnata da una targa per spiegarne il significato, aveva resistito per decenni a pioggia, intemperie, calura estiva ed era meta di turisti.

L’ERRORE

La rimozione è dovuta all’errore di un addetto della ditta appaltatrice del servizio per il decoro urbano del dipartimento Sviluppo infrastrutture e manutenzione urbana. Recatosi sul posto su richiesta della Polizia Locale, per cancellare dei graffiti ingiuriosi, di propria iniziativa ha rimosso anche quella storica scritta. Il dipartimento interessato ha già avviato le procedure per ripristinarla mediante un appropriato restauro.

Articoli correlati