"In perfetto stile grillino, il ministro della Cultura per mancanza di prove Alberto Bonisoli non replica alle critiche, ma mette fuori gioco i critici. L'agghiacciante battuta liquidatoria ('ha una certa età') rivolta a un gigante della cultura italiana di fama internazionale come Riccardo Muti non offende un grande direttore d'orchestra, ma illustra il nanismo di chi l'ha pronunciata". Lo dichiara il senatore Andrea Cangini, responsabile Cultura di Forza Italia.

"Del resto - aggiunge Cangini -, Bonisoli è quello che si disse 'sollevato' per aver perso la competenza sul turismo a vantaggio del ministero dell'Agricoltura e che sostenne la maggior importanza degli youtuber rispetto ai classici della letteratura. Se avesse a cuore la funzione che ricopre si dimetterebbe".

 

Articoli correlati