Il ministro per i Beni culturali, Alberto Bonisoli, ha firmato un decreto di rimodulazione di interventi nella Regione Sardegna. In particolare, viene rimodulato, per un importo di 12.627 euro, il programma annuale di interventi per l’anno 2010 finanziato mediante l’utilizzazione della quota derivante dalle estrazioni del gioco del lotto. 

Le risorse del programma annuale di interventi derivano dagli stanziamenti previsti dalla legge n. 662/1996, che aveva introdotto norme relative alla razionalizzazione della finanza pubblica. In base ad essa, il 30 giugno di ogni anno, sulla base degli utili erariali derivanti dal gioco del lotto accertati nel rendiconto dell'esercizio immediatamente precedente, viene riservata in favore del Mibac una quota degli utili derivanti dalla nuova estrazione del gioco del lotto. Questa quota è finalizzata a “recupero e conservazione dei beni culturali, archeologici, storici, artistici, archivistici e librari, nonché per interventi di restauro paesaggistico e per attività culturali”.

La rimodulazione non comporterà, in tutti i casi, maggiori spese. A richiederla era stato il Segretariato regionale del Mibac per la Sardegna, con nota del 17 ottobre 2018, approvata dalla Direzione generale Archeologia, Belle arti e Paesaggio del Ministero.

GLI INTERVENTI RIMODULATI

La rimodulazione viene effettuata utilizzando economie derivanti dai lavori di “Realizzazione impianto di condizionamento Pinacoteca” della Pinacoteca Musa – Ex Collegio Canopololeno di Sassari. Inizialmente previsti pari a 100 mila euro, questi lavori hanno in realtà richiesto l’utilizzo di 87.373 euro.

I restanti 12.627 euro vengono quindi utilizzati per i lavori di rimozione delle pareti dei calchi delle superfici delle Domus De Janas del Nord Sardegna presenti nelle sale del padiglione Castoldi. Questo permetterà di completare il riallestimento del Museo Archeologico Nazionale G.A. Sanna di Sassari.

 

Articoli correlati