Il Comune di Ferrara ha pubblicato un bando di gara a procedura aperta per l’affidamento dei lavori di ristrutturazione e restauro del Monastero benedettino di Beata Beatrice d'Este (Convento S. Antonio in Polesine) nell’ambito dell’intervento denominato “Ducato Estense”. L’importo posto a base di gara ammonta a 1.100.000 euro. I tempi di esecuzione sono fissati in 450 giorni naturali e consecutivi, decorrenti dalla data del verbale di consegna lavori. Le offerte andranno consegnate entro il 6 maggio 2019. 

IL CONVENTO

Prima del Mille il monastero nasce su un'isola nell'alveo del Po. A metà del Duecento il complesso conventuale accoglie le monache benedettine riunite attorno a Beatrice d'Este, fondatrice della comunità religiosa. Si accede all'interno del monastero dalla porta più piccola sotto il nartece, e immediatamente ci si trova nel portico dell'antico chiostro, in cui è stata ricavata una cappella contenente i resti della beata Beatrice d’Este. La cappella di sinistra è dedicata alle Storie dell'Infanzia di Gesù e alla Vita della Vergine: si tratta di affreschi di scuola giottesca, eseguiti fra il 1315 e il 1320. Quella centrale è la più grande delle tre e il suo ingresso è sormontato da un architrave su cui poggia un espressivo Crocifisso del '400. La parete frontale ospita una Annunciazione di Domenico Panetti (XV sec.). 

 

Articoli correlati