"Grazie alla determinazione del nostro ministro Bonisoli è stato sventato il pericolo di una norma nel decreto Crescita che avrebbe potuto rappresentare una seria minaccia per il nostro patrimonio culturale. L’idea di far valere, dopo 90 giorni, la regola del silenzio-assenso per le soprintendenze al fine di autorizzare privati ad apportare modifiche ai beni culturali era irragionevole, oltre...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati