Venezia celebra i 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci con una grande mostra allestita alle Gallerie dell'Accademia intitolata "Leonardo Da Vinci. L'uomo modello del mondo", aperta al pubblico dal 17 aprile al 14 luglio 2019. Alla presentazione dell'esposizione, curata da Annalisa Perissa Torrini e Valeria Poletto, ha partecipato in rappresentanza dell'Amministrazione comunale la vicesindaco Luciana Colle, assieme alle massime cariche cittadine e al ministro dei Beni e delle Attività culturali Alberto Bonisoli.

“Oggi ho partecipato all'inaugurazione della mostra ‘Leonardo Da Vinci. L'uomo misura del mondo’ alle Gallerie dell'Accademia di Venezia. È uno dei tanti eventi in programma per il cinquecentesimo anniversario della morte di questo illustre maestro del Rinascimento. Decine di schizzi e disegni potranno essere ammirati da domani fino al 14 luglio. Fra tutti spicca l'Uomo Vitruviano, simbolo di perfezione classica del corpo e della mente”, ha scritto su Facebook il titolare del Collegio Romano.

“Ho poi visitato i cantieri dei lavori di restauro, adeguamento funzionale ed allestitivo del primo piano del museo. Saranno ultimati a breve: si tratta di un intervento che rappresenta la fase finale del progetto ‘GrandiGallerie’”

LA MOSTRA

Tra i pezzi pregiati della mostra l'Uomo Vitruviano, la celeberrima opera del Maestro assurta a simbolo di perfezione classica del corpo e della mente che, per la sua fragilità, può essere esposta solo per limitati periodi di tempo. L'Uomo Vitruviano costituisce il fulcro di una sezione speciale che vede il disegno dialogare con fogli di Windsor e con alcune pagine del codice Huygens provenienti dalla Morgan Library di New York. Le Gallerie dell'Accademia possiedono venticinque fogli autografi di Leonardo Da Vinci, disegni che offrono al visitatore un excursus completo sulla produzione del Maestro, documentandone le sue ricerche sulle proporzioni del corpo umano, sula botanica e su altre materie scientifiche.

Per questo motivo la mostra riesce a ripercorrere le tappe essenziali della vita di Leonardo, partendo da due Studi per un’Adorazione dei pastori riferibili al periodo giovanile per poi arrivare alle Tre figure femminili danzanti attribuibili al periodo francese, che si concluse con la morte del Maestro il 2 maggio 1519 ad Amboise.

 

Articoli correlati