Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Piemonte dal Vivo, presieduto dalla Presidente Angelica Corporandi d’Auvare, ha approvato il bilancio d’esercizio dell’ente per l’anno 2018.

Il documento - che riporta un pareggio di bilancio a 6.801.851 euro con un avanzo di gestione per 11.169 euro - denota tutti gli indicatori chiave di prestazione in forte progresso rispetto all’esercizio precedente. Confrontando i risultati del 2018 con quelli del 2017, a fronte di una leggera diminuzione del contributo da parte del socio unico Regione Piemonte (-0,5%) la Fondazione incrementa le proprie entrate sul fronte ministeriale (+5%), su quello dei contributi da parte dei comuni per le stagioni teatrali (+10%) e su quello dei contributi da privati (+16%). Anche sul fronte dei ricavi dell’attività caratteristica, il segno positivo è a due cifre, passando da 1,52 a 1,7 milioni e facendo segnare su questo capitolo un aumento superiore all’11%. 

Piemonte dal Vivo - Circuito Regionale Multidisciplinare nel 2018 ha programmato 872 spettacoli tra prosa, danza, musica e circo contemporaneo in 62 comuni e 137 spazi, per un totale di 146.798 biglietti staccati.

Oltre alle stagioni teatrali, la Fondazione ha potenziato le attività di formazione e sostegno per il comparto delle arti performative, moltiplicato le relazioni internazionali, articolato e sostenuto la valorizzazione del patrimonio Unesco sul territorio regionale in un sistema a rete tra soggetti pubblici e privati sempre più intersettoriale. 

Infine, dal 2018 Piemonte dal Vivo si attesta al vertice delle classifiche del Mibac tra i circuiti multidisciplinari posizionandosi nel primo cluster con il miglior punteggio relativo alla qualità artistica e, vedendo crescere del 5% il contributo Fus (Fondo Unico per lo Spettacolo) rispetto all’anno precedente, realizzando il massimo aumento previsto dal Decreto. 

La Fondazione illustrerà e distribuirà il proprio Bilancio Sociale il prossimo 15 maggio presso la nuova sede del Mercato Centrale di Piazza della Repubblica a Torino, in occasione della presentazione delle attività estive. 

I COMMENTI

“Questi risultati, estremamente positivi, evidenziano una forte crescita della Fondazione e la qualità delle sue attività - come ha sottolineato l’Assessora regionale alla Cultura e al Turismo, Antonella Parigi -, aspetti che hanno trovato riscontro anche a livello nazionale. Piemonte dal Vivo, come evidenzia l’Assessora regionale, si conferma in questo modo un ente strumentale di fondamentale importanza per il sistema regionale delle arti performative, per la sua capacità di accompagnare i territori e, allo stesso tempo, di farsi promotore di un numero sempre crescente di iniziative di sistema”.

Angelica Corporandi d’Auvare, presidente di Piemonte dal Vivo, ha evidenziato il risultato raggiunto. “Piemonte dal Vivo – ha dichiarato -  ha chiuso il bilancio 2018 in sostanziale pareggio. Grazie a Matteo Negrin e a una squadra determinata e coinvolta, è stato possibile valorizzare il nostro patrimonio culturale, sviluppare le competenze del comparto dello spettacolo dal vivo e costruire reti e relazioni di comunità contestualmente alla promozione del talento emergente, senza mai trascurare la propria vocazione di divulgazione di spettacoli di qualità”.

È intervenuto anche Matteo Negrin, direttore di Piemonte dal Vivo,: “I numeri del 2018 raccontano una Fondazione in salute e in piena accelerazione, grazie al sostegno del socio unico Regione Piemonte, del Mibac e di tutti i partner pubblici e privati che con noi immaginano nuove traiettorie per la promozione della cultura e dello spettacolo dal vivo. Ringrazio il Consiglio di Amministrazione per la fiducia accordata al progetto e il personale della Fondazione, fatto di donne e uomini prevalentemente giovanissimi e di straordinaria competenza, che hanno accolto e sostenuto il piano triennale che ho proposto loro, un progetto ambizioso in virtù del quale - grazie al generoso lavoro di tutti - cominciamo a raccogliere importanti risultati”. 

 

Articoli correlati