Si chiama “Murgia e Sushi” ed è un locale di tendenza in zona Madonna della Stella ad ovest dell’abitato di Gravina in Puglia, di fronte alla cattedrale. Il ristoratore è di quelli d’eccezione, Checco Zalone, ma si tratta di una finzione scenica: il comico pugliese ha infatti iniziato le riprese del suo prossimo film, Tolo Tolo, in uscita a Natale, il primo in cui si cimenta come regista. 

Come sottolinea la nota di Italy for Movies, portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione, durante le riprese, si è girato per due notti di fila, alla presenza di 145 comparse che hanno riempito il locale ricreato nel grottone di un rinomato resort, con buona pace per l’indotto della zona: oltre al servizio di catering, gli alloggi hanno infatti fatto registrare il tutto esaurito.

Tolo Tolo sta suscitando molta curiosità, dopo che i primi 4 film diretti da Gennaro Nunziante hanno sbancato i botteghini (200 milioni di euro) dando una generosa boccata d’ossigeno alle sale italiane. 

IL TEMA DEL VIAGGIO 

Elementi ricorrenti nei film di Checco Zalone sono le sue origini meridionali, alcuni luoghi comuni da sfatare, un sogno da realizzare, l’amore ma soprattutto il viaggio. Proprio i viaggi ci permettono di esplorare numerose località toccate dai film. Nel suo esordio, Cado dalle nubi, Checco è un aspirante musicista innamorato dell’eterna fidanzata e vive nella pittoresca Polignano a Mare per poi trasferirsi a Milano, dove pare che essere omosessuali sia meno faticoso che essere meridionali. 

In Che bella giornata Checco è un improbabile agente della sicurezza in forze al Duomo. Tutto ruota intorno alle guglie gotiche della cattedrale, ma c’è tempo per un battesimo tra i trulli di Alberobello. 

In Sole a catinelle Checco è emigrato da 30 anni a Monselice, nella provincia padovana, e da qui parte col figlioletto per una vacanza da sogno che tocca la Valle del Biferno, nei pressi di Casacalenda e altri comuni molisani, Orbetello e la Basilica di San Galgano, Santa Margherita Ligure e Portofino. 

In Quo vado?, infine, Checco è un realizzato “posto fisso” di Conversano e pur di non perdere il suo privilegio finisce letteralmente in capo al mondo. Nel frattempo, gira in lungo e in largo l’Italia e parte dell’Africa pur restando sempre nel Lazio, tra Cervara di Roma e il Parco del Circeo.

ITALY FOR MOVIES

Italy for Movies è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione nato a seguito dell’emanazione della Legge Cinema (L. n. 220/2016) che qualifica il cinema e l'audiovisivo come mezzi fondamentali di espressione artistica, di formazione culturale e di comunicazione sociale oltre che di promozione, dell'immagine dell'Italia anche a fini turistici.

La riforma in particolare assegna al Ministero per i Beni Culturali il compito di promuovere l'immagine dell'Italia, anche a fini turistici, attraverso il cinema e l’audiovisivo, in raccordo con il Ministero degli Affari esteri e anche mediante accordi con l'Agenzia nazionale del turismo (ENIT).

Italy for Movies nasce nel gennaio 2017 grazie ad un protocollo di intesa sottoscritto dalla Direzione generale Cinema del Mibac e dalla Direzione generale Turismo, divenuta parte del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali dopo la legge n. 97/2018. Si inserisce tra gli interventi strategici coerenti con il quadro del Piano Strategico del Turismo orientati ad armonizzare e mettere a sistema il patrimonio progettuale esistente, avviando, al contempo, iniziative sperimentali altamente innovative, sia dal punto di vista dell’offerta, sia in riferimento ai mercati target e ai relativi canali di promo-commercializzazione.

La gestione tecnica e organizzativa del progetto è affidata a Istituto Luce-Cinecittà in stretta collaborazione con l’Associazione Italian Film Commissions.

IL PORTALE

Il portale è costituito da cinque sezioni. La prima “Catalogo delle location” è articolata per singoli territori e consultabile attraverso un motore di ricerca organizzato per categorie dinamiche quali ubicazione territoriale, tipologia di location, classificazione edifici e siti, epoca storica, dettagli ambientali, contatti organizzativi. La seconda categoria “Guida agli incentivi” comprende incentivi internazionali, nazionali e regionali a sostegno dei produttori nonché alle facilities tecniche offerte dalle Film Commission. La terza categoria “Mappatura su base regionale dei film e delle opere audiovisive” contiene foto, video e rimandi ai siti delle produzioni. La “Sezione news” è riservata all’aggiornamento dei temi trattati nel portale e, infine, la sezione “Area film commission” contiene la documentazione relativa al Coordinamento nazionale delle Film Commission.

 

Articoli correlati