Dal 27 aprile al 3 maggio il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) sarà presente per il terzo anno consecutivo al Bif&st-Bari International Film Festival di Bari, per partecipare alla rassegna Cinema e Scienza, quest’anno dedicata al tema L’acqua, la sete, le guerre. Sette i film in programma tutti i pomeriggi alle 15.30 al Multicinema Galleria, seguiti da incontri con esperti. Il ciclo è coordinato da Silvia Mattoni, dell'ufficio Stampa del Cnr, e Orsetta Gregoretti. Il Bif&st, posto sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica, è promosso dalla Regione Puglia–Assessorato all’industria turistica e culturale con la collaborazione del Comune di Bari ed è prodotto dalla Fondazione Apulia film commission.

Questo il calendario con le proiezioni dei film del ciclo Cinema e Scienza:

  • Sabato 27 aprile, La memoria dell’acqua Patricio Guzmàn. Al termine, incontro con Marcella Marconi, prima donna a dirigere l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dell’Istituto nazionale di astrofisica;
  • Domenica 28 aprile, Flow (Per amore dell’acqua) di Irena Salina. A seguire, incontro con Marco Anzidei, ricercatore dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e coordinatore del progetto Savemedecoasts;
  • Lunedì 29 aprile, Oro Blu: Il potere dell’acqua di Marina Zenovich. A seguire, incontro con Marco Moriondo, ricercatore presso l’Istituto di biometeorologia del Cnr, esperto in cambiamenti climatici legati all’agricoltura;
  • Martedì 30 aprile, Le glace et le ciel di Luc Jacquet, con Claude Lorius. Al termine, incontro con Carlo Barbante, Università Ca’ Foscari di Venezia, già direttore dell’Istituto per la dinamica dei processi ambientali del Cnr;
  • Mercoledì 1° maggio, Le soif du monde di Thierry Piantanida e Baptiste Rouget-Luchaire, a seguire, incontro con Domenico Pignone, già direttore del Dipartimento agroalimentare del Cnr ed esperto genetica e biodiversità;
  • Giovedì 2 maggio, Blu Gold: world water wars di Samuel Vartek. Al termine, incontro con Desirée A. L. Quagliarotti, ricercatrice presso l’Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Cnr;
  • Venerdì 3 maggio, Thak you for the rain di Julia Dhar. A conclusione, intervento di Antonello Pasini, fisico climatologo presso l’Istituto dell’inquinamento atmosferico del Cnr e vicepresidente della Società italiana per le scienze del clima.
 

Articoli correlati