In occasione della settima edizione della Festa dell’Europa, organizzata nel mese di maggio a Venezia, l’Ufficio di Venezia del Consiglio d’Europa organizza una serie di eventi in collaborazione con l’Ufficio Europe Direct del Comune di Venezia e con diversi partner quali Rai Veneto, il Conservatorio Benedetto Marcello, l’Associazione Amici del Conservatorio, il Parlamento Europeo – Ufficio d’informazione a Milano, l’Università Ca’ Foscari, la rivista internazionale bimestrale ATLANTIS ed il TGR Veneto.

Lunedì 6 maggio presso lo storico Caffè Florian in Piazza San Marco, alle ore 17:00 avrà luogo il Caffè d’Europa, intitolato “Europa e donne”. Questo sarà il primo di un ciclo di tre Caffè, ognuno avente un tema diverso. L’entrata è gratuita sino ad esaurimento posti. I relatori  saranno: Ermelinda Damiano, Presidente Consiglio Comunale Città di Venezia; Chiara Squarcina, Direttrice del Museo del Tessuto, Palazzo Mocenigo; Annalisa Oboe, Prorettrice rel. Culturali, sociali e di genere Università di Padova; Linda Laura Sabbadini, Dirigente di Ricerca Istat e già Direttrice centro di statistiche sociali e ambientali; Sara De Vido, Docente di diritto europeo e internazionale Università Ca’ Foscari; Modera l’evento Luisella Pavan-Woolfe, Direttrice Consiglio d’Europa Ufficio di Venezia.  

Nella giornata di mercoledì 8 maggio, alle ore 17:00 presso la sede del Consiglio d’Europa, verrà presentato il volume intitolato “Il valore del patrimonio culturale per la società e le comunità, la convenzione del Consiglio d'Europa tra teoria e prassi”. Parteciperanno gli autori che hanno contribuito alla sua redazione. Il volume illustra i contenuti e commenta la portata innovatrice della Convenzione Quadro del Consiglio d’Europa sul Valore del Patrimonio Culturale per la Società, nonché le strategie elaborate per la sua implementazione, tracciando un bilancio del contesto italiano. Esperienze degli attori impegnati sul campo e ricerche accademiche mettono inoltre in luce il variegato panorama in cui le ‘comunità patrimoniali’, come definite dallo stesso testo giuridico, si trovano a sviluppare la propria azione di rigenerazione e trasmissione di un patrimonio spesso messo a rischio dalle politiche economiche, sociali e demografiche in seno all’Europa.  

Il secondo Caffè d’Europa avrà come tematica principale due ambiti tra loro connessi: l’Europa e i giovani; ricerca e innovazione. Questo incontro avverrà il 13 maggio al Chiostro dell’Università di Ca’ Foscari alle ore 17:00. L’entrata è gratuita sino ad esaurimento posti. Porterà i saluti istituzionali Michele Bugliesi, Rettore Università Ca’ Foscari e parteciperanno: Andrea Torsello, Prorettore alla Ricerca, Università Ca’ Foscari; Luisella Pavan-Woolfe, Direttrice Consiglio d’Europa Ufficio di Venezia; Sofia Moschin, youth delegate, del Congresso dei Poteri Locali e Regionali; Crosta Roberto, UNIONCAMERE Veneto; Massimo Gaudina, Capo della Rappresentanza a Milano della Commissione Europea; Modera il caffè Bruno Marasà, Direttore dell’Ufficio del Parlamento Europeo a Milano.  

Il 16 maggio, si terrà un tavolo di discussione proponendo un approfondimento sul tema delle relazioni diplomatiche tra USA e Unione Europea, con particolare attenzione al Consiglio d'Europa, l’Italia e la NATO, intitolato “Europa e le relazioni transatlantiche: un punto di svolta?” presso la sede Rai Veneto a Palazzo Labia, alle ore 17:45.  

Il Caffè dell’Europa del 17 maggio è intitolato “70 anni d’Europa, obiettivi raggiunti e sfide”. L’incontro è organizzato al celebre Caffè Lavena in Piazza San Marco alle ore 16:30. Come per gli altri caffè, l’entrata è gratuita sino ad esaurimento posti. Parteciperanno: Carla Rey,Segretaria Generale AICCRE Umberto Vattani, Presidente Venice International University (TBC) Giovanni de Luca, Direttore RAI Veneto Gianpaolo Scarante, Presidente Ateneo Veneto Modera Luisella Pavan-Woolfe, Direttrice Consiglio d’Europa Ufficio di Venezia  

Il 31 maggio avrà luogo presso il Conservatorio Benedetto Marcello, il Concerto d’Europa, alle 17:00. Il concerto, eseguito dal Quartetto del Giglio del Conservatorio Benedetto Marcello e diretto dal Maestro Davide Amodio, prevede un repertorio sullo String quartet op. 132 e sull'Inno alla Gioia di Ludwig van Beethoven, l'inno del Consiglio d’Europa e dell’Unione europea.

 

Articoli correlati