“In Commissione Cultura, grazie al lavoro della relatrice Rosalba Testamento abbiamo espresso parere favorevole, con 11 osservazioni (vista la complessità della genesi del provvedimento), allo schema di decreto ministeriale concernente le procedure per la formazione degli Elenchi Nazionali di archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, esperti in Scienze e Tecnologie dei beni culturali e storici dell’arte. Abbiamo anche chiesto, nelle osservazioni, di includere altre professioni non ancora inserite: musicologo, paleontologo, mediatore museale e manager del patrimonio”. Lo sottolinea Michele Nitti (M5S), componente della commissione Cultura della Camera.

“L’Italia è il Paese più importante del mondo per quantità di beni culturali e ambientali. Questo nostro settore entra a pieno titolo fra le piattaforme di mercato che potranno maggiormente generare occupazione e attività, oggi e nel futuro. È quindi necessario valorizzare, dare maggiore dignità e regolamentare queste professioni”, ha concluso il deputato pentastellato.

 

Articoli correlati