"Lodevole lo sforzo organizzativo portato avanti dal Presidente Baratta per la cinquantottesima edizione della Biennale di Venezia, motivo di orgoglio internazionale, al di là delle considerazioni che si possano esprimere sulla visione curatoriale. In particolare, ci sembra incongruente l'accostamento fra Leonardo da Vinci e Lenin, il solito luogocomunismo: viene paragonato il genio italiano,...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati