Nell'ambito del 13° Forum Nazionale sui Patrimoni Immobiliari Urbani Territoriali Pubblici, che si è tenuto a Roma presso il Convention Center "La Nuvola" in occasione del Forum PA 2019, CoopCulture e la Fondazione Elena e Claudio Cerasi si sono aggiudicati in partnership con Roma Capitale - I Municipio il  “Premio Best Practice Patrimoni Pubblici 2019” per la Sezione “Valorizzazione Culturale e Museale del patrimonio Immobiliare”.

Il Premio ottenuto, promosso da Patrimoni PA net, FPA e Terotec, intende  segnalare e valorizzare le "practice" ed i progetti più innovativi promossi  e sviluppati in partnership tra enti Pubblici/enti di interesse pubblico ed  imprese private per la gestione e la valorizzazione dei patrimoni  immobiliari, urbani e territoriali di proprietà pubblica o di interesse pubblico.

Il riferimento è alla meravigliosa esperienza di rinascita e valorizzazione della sede dell’EX-Ufficio Igiene del Comune di Roma di Via Merulana 121, frutto della sinergia di forze e comunione di intenti tra pubblico e privato, da cui è nato Palazzo Merulana, nuovo punto di riferimento culturale della città.

LA DIGNITÀ RITROVATA DI PALAZZO MERULANA

La volontà dei fondatori è stata quella di restituire a Roma e ai romani uno spazio che per lungo tempo è stato un vuoto urbano. Grazie ad un’importante operazione di ristrutturazione durata più di 5 anni, il Palazzo oggi vive di una dignità ritrovata, configurandosi come punto di contatto e di coprogettazione con il tessuto associativo culturale e civico della città.

Proprio per  venire incontro a questa esigenza, Palazzo Merulana, sin da subito, si è dotato di un progetto partecipativo di produzione culturale per una programmazione condivisa, Merulana Culture Hub.

Un modello di gestione culturale che, attraverso il contributo diretto degli operatori culturali e dei cittadini, ridisegna la funzione dei luoghi d'arte come spazi di produzione culturale e di coinvolgimento di nuovi pubblici, e che il prossimo sabato 18 maggio dalle ore 10.30, realizzerà la sua terza edizione.

La Fondazione Cerasi ha scelto CoopCulture come partner per una gestione innovativa del Palazzo e una fruizione diffusa della collezione. Con un’esperienza quasi trentennale nella gestione e innovazione dei servizi culturali, CoopCulture negli ultimi anni ha ampliato il proprio impegno a favore del ruolo che il patrimonio culturale può avere nello sviluppo dei territori, nella riqualificazione degli spazi, nella crescita della partecipazione culturale come fattore di inclusione sociale e di welfare.

 

Articoli correlati