"Sono felicissima che il Premio Carlo Magno della gioventù, che ho sostenuto dall'inizio e votato nella sezione italiana della giuria, sia stato assegnato al progetto Europhonica IT, un programma radio realizzato su iniziativa delle radio universitaria RADUNI insieme a giovani di altri cinque Paesi in cui i giovani condividono le loro storie e i loro punti di vista sull'Europa, raccontando ogni settimana da Strasburgo i lavori del Parlamento europeo". Lo ha dichiarato Silvia Costa, europarlamentare dem che dall'inizio ha sostenuto questa esperienza e che ha proposto un progetto pilota in Parlamento europeo per continuare a sostenerlo e che ha inserito nel nuovo Programma Europa creativa una linea di bilancio dedicata a reti di media europee realizzate da giovani.

"Un premio importante che significativamente viene dato proprio oggi, all'indomani delle elezioni europee, va ad una fantastica squadra di giovani redattori appassionati di Europa. Ho parlato con loro, emozionati e felici e abbiamo ricordato Antonio Megalizzi e Bartosz Orent-Niedzielski i due protagonisti indimenticabili di Europhonica, uccisi barbaramente da un terrorista a Strasburgo quasi sei mesi fa. A loro e alle loro famiglie il mio pensiero oggi. Ci troveremo a Roma al festival di Europhonica".

"Il Premio europeo Carlo Magno della gioventù - conclude Silvia Costa - viene assegnato ogni anno dal Parlamento europeo insieme alla Fondazione del premio internazionale Carlo Magno di Aquisgrana a giovani fra i 16 e i 30 anni che abbiano realizzato un'idea per promuovere lo scambio fra persone di diversi paesi europei. I rappresentanti dei 28 progetti vincenti nazionali hanno ricevuto un certificato e una medaglia. Sono molto contenta che Europhonica abbia vinto e di aver sostenuto il progetto sin dall'inizio".

 

Articoli correlati