"In tempi di crisi economica e occupazionale il governo delle non scelte si permette di mortificare, di prendere a pesci in faccia, un comparto, quello del turismo che vale almeno 117 miliardi di euro. Come avevamo ampiamente previsto l’accorpamento del Turismo al ministero dell’Agricoltura si è rivelata una scelta non solo infelice ma anche dannosa. Il settore turismo, infatti, è privo di...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati