Nell’ambito del Corpo europeo di solidarietà, è stato lanciato un bando rivolto ai gruppi di volontariato in settori ad alta priorità. Si tratta di progetti su vasta scala che sostengono le attività di gruppi di volontariato il cui obiettivo è la realizzazione di interventi a breve termine e a impatto elevato in risposta a sfide sociali in settori strategici definiti annualmente a livello dell’Unione europea. Le proposte presentate nell’ambito dell’invito devono riguardare una o più priorità, tra cui c’è il patrimonio culturale europeo. Nell’ambito della priorità relativa al patrimonio culturale europeo, inoltre, potrebbero essere finanziati progetti di ricostruzione, ad esempio anche per la cattedrale Notre-Dame a Parigi.

BILANCIO E SCADENZE

Il bilancio totale stanziato per il cofinanziamento dei progetti è pari a 1.018.325 euro e si basa sul programma di lavoro annuale 2018 del Corpo europeo di solidarietà. Il contributo finan­ziario dell’UE non può superare l’80 per cento del totale dei costi ammissibili del progetto. Si prevede di finanziare nove proposte. Le domande devono essere presentate entro il 19 settembre. Oltre al patrimonio culturale, le priorità delle proposte devono riguardare: l’integrazione dei cittadini di paesi terzi (compresi i richiedenti asilo e i rifugiati); una risposta alle sfide ambientali e climatiche, compresa la prevenzione delle calamità, la preparazione a esse e la ricostruzione (esclusa la risposta immediata alle catastrofi).

IL CORPO EUROPEO DI SOLIDARIETA’

Il Corpo europeo di solidarietà intende promuovere la solidarietà come valore, principalmente attraverso il volontariato, e incrementare l’impegno dei giovani e delle organizzazioni in attività di solidarietà accessibili e di elevata qualità, come mezzo per contribuire a rafforzare la coesione, la solidarietà, la democrazia e la cittadinanza in Europa, rispondendo nel contempo alle sfide della società e rafforzando le comunità, adoperandosi in particolare per promuovere l’inclusione sociale. Esso contribuisce inoltre alla cooperazione europea riguardante i giovani.

I gruppi di volontariato in settori ad alta priorità perseguiranno in particolare i seguenti obiettivi:

  • dare risposta a ben definite esigenze sociali insoddisfatte
  • promuovere la solidarietà tra gli Stati membri
  • consentire ai giovani volontari di acquisire abilità e competenze utili per il loro sviluppo personale, formativo, sociale e professionale
  • apportare benefici tangibili alle comunità in cui sono svolte le attività
  • raggiungere i giovani con minori opportunità, compresi i rifugiati, i richiedenti asilo e i migranti
  • promuovere la diversità, il dialogo interculturale e interreligioso, i valori comuni di libertà, tolleranza e rispetto dei diritti umani, come pure i progetti che favoriscono l’alfabetizzazione mediatica, il pensiero critico e lo spirito di iniziativa dei giovani
  • rafforzare le capacità e la portata internazionale delle organizzazioni partecipanti
  • aumentare la consapevolezza e la comprensione dei partecipanti riguardo alle altre culture e agli altri paesi, offrendo loro l’opportunità di costruire reti di contatti internazionali, partecipare attivamente alla società e sviluppare un senso di cittadinanza e identità europea

 

 

Articoli correlati