Venerdì 21 giugno, in occasione della Festa della Musica 2019, a partire dalle 20 fino a mezzanotte (ultimo ingresso ore 23), le Scuderie del Quirinale apriranno gratuitamente a tutti i visitatori la mostra “Leonardo da Vinci. La Scienza prima della Scienza” e, in via del tutto eccezionale, la terrazza che si affaccia sulla Piazza del Quirinale.

Lo spettacolare palcoscenico della terrazza delle Scuderie ospiterà, già dal tramonto, l’esibizione dell’Accademia Romana del Flauto Traversiere e si trasformerà, a seguire, in un privilegiato punto di osservazione del cielo grazie agli astrofisici di RomAstronomica che faranno scoprire le meraviglie della notte stellata della capitale, insegnando come osservare la volta celeste ad occhio nudo e con l’ausilio del telescopio.

Un’occasione imperdibile per godere gratuitamente di tre eventi all’insegna dell’arte, della musica e della conoscenza.

IL CONCERTO

L’Accademia Romana del Flauto Traversiere, ha tra le sue finalità la diffusione della conoscenza e della pratica dei flauti traversi storici e la valorizzazione del repertorio flautistico soprattutto inedito e del patrimonio strumentario conservato presso le collezioni pubbliche e private italiane. Si avvale della collaborazione dei più celebri solisti, docenti, musicologi, organologi e collezionisti di strumenti musicali stabilendo sinergie con le più prestigiose istituzioni musicali e culturali, italiane ed estere.

Alle Scuderie del Quirinale, in occasione della Festa della Musica suoneranno:
Enrico Casularo, flauto traversiere e direzione musicale
Alessandro Cilona, flauto traversiere
Ulrike Pranter, violoncello barocco

Programma musicale:
J. Hotteterre, Sonata in Trio in Si min.
R. Valentino, Ciaccona in Re magg.
A. Corelli, Sonata in Re Magg.
A. Corelli, Sonata Ciaccona
M. Blavet, Pourquoi doux rossignols

L’OSSERVAZIONE DELLE STELLE

Il Team di RomAstronomica ha a cuore una cosa semplice: condividere, con professionalità ed entusiasmo, la passione per la Bellezza del Cielo e della Città Eterna. Per questo, si avvale della collaborazione di astronomi ed esperti di storia della scienza di fama mondiale, che vantano collaborazioni con i più prestigiosi istituti e media internazionali.

Al tramonto di venerdì 19, sarà protagonista l’elusivo pianeta Mercurio che al telescopio mostrerà la sua piccola falce. Sarà poi la volta delle celebri stelle del Grande Carro, della Stella Polare e degli astri più brillanti che sveleranno i loro incredibili colori. Successivamente lo sguardo si spingerà, grazie al telescopio, a decine di migliaia di anni luce, fino al grande ammasso globulare di Ercole.

Ospite principale sarà Gianluca Masi, astrofisico e comunicatore scientifico, fondatore del progetto Virtual Telescope.

 

Articoli correlati