"Italia e Germania hanno giocato nella stessa squadra e abbiamo vinto. Non abbiamo mollato mai. Un gioco di squadra coronato da un lieto fine". Il ministro degli Esteri italiano Enzo Moavero Milanesi ha sintetizzato così il lavoro di squadra condotto dal nostro Paese insieme al Ministero degli esteri tedesco Heiko Maas per riportare dopo 75 anni in Italia, alla Galleria degli Uffizi, il quadro Vaso da fiori del pittore olandese Jan van Huysum. Nel corso della cerimonia che si è tenuta a Firenze a palazzo Pitti, il capo della Farnesina ha ricordato l'importante lavoro di tutti i soggetti coinvolti dal Mibac ai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale. Padrone di casa il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli e il direttore degli Uffizi Eike Schmidt oltre alla presenza del comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio culturale Giovanni Nistri.

Per Moavero Milanesi questa giornata "è molto importante. Vediamo infatti tornare a casa il quadro. È un giorno che ci fa sentire protagonisti di un film tratto da un libro Monument Men che riuscivano a salvare l'arte". Un risultato frutto di "un'azione coordinata che ha permesso di riportare a casa un quadro importante. Quando Schmidt ha fatto il suo primo appello a gennaio ha certamente impresso l'accelerazione che ha permesso di arrivare a questo risultato".

Da gennaio "ogni mese ne abbiamo parlato", ha aggiunto Moavero. "E grazie alla comune sensibilità giuridica e la comune passione per l'Europa, un europeismo concreto, dei fatti non delle parole" è stato raggiunto un risultato importante. "Una storia a lieto fine e una storia molto europea". Il ministro degli esteri italiano ha infine ripercorso la storia del quadro, una storia - come detto - molto europea.

 

Articoli correlati