Tra Italia e Germania ci sono ancora diversi dossier aperti che riguardano sia opere da far rientrare nel nostro Paese sia restituzioni da effettuare nei confronti della Repubblica Federale Tedesca. Lo ha confermato il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli rispondendo a una domanda di AgCult nel corso della cerimonia, a Palazzo Pitti, per la restituzione del dipinto Vaso di Fiori del pittore olandese Jan van Huysum trafugato dall'Italia 75 anni fa e oggi riportato a Firenze dal ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas. Ci sono poi altri dossier che "coinvolgono sia il governo tedesco che altri partner europei ed extraeuropei", ha aggiunto Bonisoli. C'è ad esempio "il caso della statua di Lisippo per cui stiamo trattando con il Getty Museum".

Con il governo tedesco in realtà "abbiamo una bilateralità, ci sono cioè alcuni oggetti artistici che stiamo aspettando e su cui stiamo ragionando per farli rientrare in Italia e ci sono anche delle restituzioni che dall'Italia faremo nei confronti della Germania". Di più Bonisoli non dice perché "uno degli aspetti della diplomazia culturale è che il lavoro è giusto venga fatto a livello diplomatico e quando ci saranno i riscontri li condivideremo con voi".

Una situazione confermata anche dal ministro tedesco Maas che aggiunge: si tratta spesso di "trattative difficili e delicate che a volte coinvolgono anche soggetti terzi e non sono quindi sempre semplici. Ogni caso richiede una soluzione propria e sono molto lieto che le nostre autorità (italiane e tedesche, ndr) collaborino insieme con fiducia per risolvere un caso dopo l'altro".

 

Articoli correlati